Arte = Relazione Sociale

INNESTI è la nuova programmazione triennale del Festival di Sant’Arte: solo attraverso una solidale collaborazione tra uomini liberi di differenti origini (culturali, politiche, economiche) pensiamo sia possibile alimentare un processo creativo permanente in continuo divenire.

 

Viviamo in una società caratterizzata da fenomeni continui di trasformazione, questo richiede riflessione sulle proprie risorse umane, concentrazione sulla propria capacità di cambiamento e di adattamento, in modo da sviluppare dinamiche di cooperazione e di apertura verso nuove forme di relazione.

 

Arte=Relazione Sociale è il titolo della Seconda Edizione: l’affermazione dalla quale partire per analizzare il rapporto tra arte e vita sociale. L’artista, abbandona l’idea di produzione di un oggetto artistico, si concentra sulla sua possibilità di intervento sull’individuo, instaurando un rapporto di reciproca influenza. L’opera d’arte diventa essa stessa il luogo di dialogo, scambio e relazione.

Fondamentale lo sviluppo, la scoperta dell’altro, l’incontro, non l’opera finale ma il suo percorso creativo. Il valore dell’arte si traduce in strumento “educativo e non solo estetico” e quale agente primario di trasformazione sociale, attraverso la presa di coscienza delle dinamiche della vita quotidiana e dell’azione individuale.

Direzione artistica
Maria Sciola
Realizzazione e Coordinamento
Fondazione Sciola
Direzione organizzativa

Elisabetta Villani
Promosso da

Regione Autonoma della Sardegna
Fondazione di Sardegna
Comune di San Sperate
Ufficio Stampa

Giuseppe Murru
Telefono +39 346 6675296
Coordinamento Volontari
Giulia Pilloni
Informazioni
email: festivalsantarte@gmail.com
Tel. +39 324 5875094

I Protagonisti

Eugenio Barba e l’Odin Teatret

Fondato nel 1964 da Eugenio Barba ad Oslo, in Norvegia, si è trasferito nel 1966 a Holstebro, in Danimarca, diventando Nordisk Teaterlaboratorium/Odin Teatret. Oggi i suoi 40 membri provengono da più di undici paesi e quattro continenti. L’Odin Teatret ha creato 77 spettacoli rappresentati in 66 paesi in vari contesti sociali. Nel corso di queste esperienze, si è sviluppata una specifica cultura dell’Odin, basata sulla diversità e sulla pratica del “baratto”. Gli attori dell’Odin si presentano con il loro lavoro artistico alla comunità che li ospita e, in cambio, questa risponde con canti, musiche e danze appartenenti alla propria tradizione. Il baratto è uno scambio di manifestazioni culturali ed offre non solo una comprensione delle forme espressive dell’altro, ma mette anche in moto un’interazione sociale che sfida pregiudizi, difficoltà linguistiche e divergenze di pensiero, giudizio e comportamento. Arrivati in Sardegna negli anni 70 si trasferirono a più riprese e per lunghi periodi a San Sperate (dal 1973 al 1975) oltre che girare l’Isola tra il Campidano e la Barbagia. Oggi ritornano negli stessi luoghi, grazie alla Fondazione Sciola, anche nel nome dell’amicizia che legò Pinuccio Sciola con Eugenio Barba, con la riproposizione del loro progetto di banchetto-baratto con gli abitanti del paese.

Terra vivente Art Studio

Progetto che si basa sulla convinzione che l’arte debba essere per tutti, interattiva e coinvolgente, creando una possibilità di scambio culturale tra artisti e le piccole comunità territoriali, lontane dai sistemi espositivi.

 

 

Ivy Node

Progetto di arte innovativa e contemporanea, che mira a creare una piattaforma internazionale con la collaborazione di artisti, ricercatori, registi, scrittori, critici d’arte e molti altri professionisti disposti a condividere le loro competenze in un ambiente transdisciplinare basato su interconnessione, desiderio di condividere e imparare.

Lavora sia in un contesto urbano-internazionale, che in piccole comunità locali, con lo scopo di portare arte e conoscenze anche dove normalmente non è possibile accedere alla varietà di stimoli artistici che una grande città offre. Attraverso l’organizzazione di eventi, progetti, mostre, workshop l’intento è costruire uno spazio in cui gli abitanti e gli esperti possano imparare gli uni dagli altri creando un autentico scambio culturale.

Simposio “Su Bixinau”

Incontro organizzato da Fondazione Sciola, all’interno del progetto di residenza artistica che si terrà a Nurri dal 3 al 24 giugno 2019 a Nurri a cura di IVYnode, in collaborazione con Terra Vivente Art Studio e con il patrocinio del Comune e della Proloco di Nurri.  Il tema è fortemente legato all’esperienza dell’artista Pinuccio Sciola nel Paese Museo, esempio di scambi culturali e condivisione collettiva, dove l’arte si fa in strada, nelle case, tra la gente. Il vicinato quindi ha influenzato l’idea “Su Bixinau” per la seconda residenza a Nurri.Gli artisti partecipanti, ospitati da Fondazione Sciola secondo lo spirito di accoglienza e socializzazione di Sant’arte, durante il Simposio si scambieranno le visioni sul valore dell’arte quale agente primario di trasformazione sociale.

PROGRAMMA EVENTI

Teatro La Maschera

21:00 Ave Maria
 

con Julia Varley, regia di Eugenio Barba – Odin Teatret

ACQUISTA I BIGLIETTI SU EVENTBRITE (POSTI LIMITATI)

Teatro Scuola Civica di Musica

19:00 L’eco del silenzio


di e con Julia Varley – Odin Teatret

ACQUISTA I BIGLIETTI SU EVENTBRITE (POSTI LIMITATI)

Giardino Sonoro

16:00 I luoghi del sentire


di e con Lughia, presentazione a cura di Giuseppe Salerno

DISPONIBILITA’ LIMITATA SINO ESAURIMENTO POSTI

 

17:00 e 18:00 Visita al buio


in collaborazione con A.S.D Tigers Paralympics Sport ONLUS

INFO&PRENOTAZIONI: festivalsantarte@gmail.com
Tel. +39 324 5875094

 

Teatro La Maschera

21:00 Judith
 di e con Roberta Carreri – Odin Teatret

ACQUISTA I BIGLIETTI SU EVENTBRITE (POSTI LIMITATI)

Piazza Croce Santa

10:30 Diario del giorno


Presentazione della giornata del festival

Giardino Megalitico

11:30 Teatro non Teatro

Incontro con Eugenio Barba

Piazza San Giovanni

15:30 In Principio fu Pietrino


A cura di Giulia Pilloni

In collaborazione con la Cineteca Sarda – foto di Antonio Cabiddu

Visita guidata della mostra

Giardino Megalitico

17:00 Ode al progresso Odin Teatret

18:00 Banchetto-baratto Odin Teatret

21:00 Piano solo Concerto di Peter Waters

Piazza San Giovanni


10:30 Diario del giorno


Presentazione della giornata del festival

11:00 Omaggio a Raffaele Muscas


con Massimo Muscas e musiche di Stefano Minnei

11:30 Simposio “Su Bixinau”

Incontro con gli artisti internazionali

Coordinamento dell’Università di Cagliari

Piazza Croce Santa


16:00 Impulsi

Presentazione di Annemarie Cabri con il Gruppo Folk di San Sperate

Via Oriana Fallaci


18:00 One Way
 Presentazione del Murale con Leonardo Boscani e Rita Delogu

Giardino Sonoro


19:00 Mamuthones
 Associazione Culturale Atzeni di Mamoiada

DISPONIBILITA’ LIMITATA SINO ESAURIMENTO POSTI


Vie del paese


20:00 LaSciolaSciadiSantArte


Parata di strada con la Banda Musicale di Monastir

Via E.Marongiu


21:00 Festa finale in strada con gli Artisti


Scenografia di Theatre en vol – Performance di Gionata Feuer Frei

1 SILENCE ON WHEEL di Thomas Keis

2 MY WAY HOME di Ivana Pinna

3 IMPULSI danza e movimento con Annemarie Cabri

4 AGENZIA ONE WAY PROJECT con Leonardo Boscani e Rita Delogu

5 ONE WAY murale collettivo con Leonardo Boscani e Rita Delogu

6 #SUGIOGU giochi antichi con le Triususpassiu e l’Ass. Fentanas

7 INNESTI laboratorio di pittura

8 INTRECCI tessitura con Silvija Juozelskyte

9 RITR-ATTO SOCIALE dialogo fotografico con Alessandra Cecchetto

STUDIO VISIT

Porte Aperte – sabato e domenica 10.00 | 13.00 con gli artisti:

Paolo Concu
Mario Becciu
Giampaolo Spiga
Pietrina Atzori
Gianfranco Pinna
Giampaolo Mameli
Aldo Casti
Fiorenzo Pilia

Alcuni spettacoli dell’Odin Teatrer sono soggetti a limitazione di posti* e condizionati a un ticket di ingresso.

Consigliamo di prenotare subito la vostra presenza acquistando i biglietti online sulla piattaforma Eventbrite.

*I posti sono già in esaurimento.

I Protagonisti della 2 edizione

Collabora come Volontario!

  • Trascina i file qui oppure
    Tipi di file accettati: pdf.