La prima edizione del festival di Sant’Arte entra nel vivo nell’anno del cinquantesimo anniversario del muralismo in Sardegna, a San Sperate.

 

Era il 1968, le proteste giovanili animavano l’Europa. Pinuccio Sciola, al ritorno da Parigi, dopo aver trascorso un anno in Spagna, incominciò a dare il bianco sui muri del suo paese, con l’aiuto di amici e concittadini. Quei muri, che avevano assorbito tutta la storia di un villaggio agricolo, anonimo, immobile per decenni, rappresentavano il supporto ideale per raccontare una nuova storia.

 

I cosiddetti “Anni della calce” segnarono l’inizio della rivoluzione culturale, che trasformò San Sperate in un centro d’interesse per artisti e intellettuali.

 

Fu un’operazione sociale, economica, politica tale, che questo singolare esperimento identitario ebbe risonanza in tutta Italia e all’estero.

 

Dal 1970 la pratica muralista si diffuse in Sardegna, e nel 1976 Pinuccio Sciola con l’intero Paese Museo, fu invitato a partecipare alla biennale di Venezia, nella sezione “Ambiente come sociale“.

Direzione artistica
Fondazione Sciola
Realizzazione e Coordinamento
Fondazione Sciola
Università degli Studi di Cagliari
Comune di San Sperate
Direzione organizzativa

Elisabetta Villani
Assistenza artistico scientifica
Gabriele Schirru
Promosso da

Regione Autonoma della Sardegna
Fondazione di Sardegna
Comune di San Sperate
Ufficio Stampa

Rossella Atzori
Telefono +39.328.7495192
mail press@fondazionesciola.it

Coordinamento Volontari
Giulia Pilloni
Telefono +39.349.2437595
mail santartefestival@gmai.com
Grafica
Antonello Manca
Sito web
Ondeweb graphic&netsolutions

Ambiente come Storia, Arte come Racconto

L’ambiente, inteso come “ciò che circonda, ciò che sta intorno”, è il nostro presente.
La storia, intesa come “sistema azione-tempo”, offre gli strumenti per intravedere il nostro futuro.

La prima edizione del Festival di Sant’Arte è dedicata al fondamento stesso dell’arte visiva contemporanea, il suo essere pensiero, narrazione.

 

L’arte aiuta a dare un significato a ciò che viviamo, al mondo esterno ed interno.

L’artista ci mette in condizione di capire chi stiamo diventando, attraverso un processo di riappropriazione della storia.

 

La prima edizione del festival di Sant’Arte  seguirà un percorso narrativo e continuerà con appuntamenti mensili fino a dicembre.

 

 

Ogni progetto-performance caratterizzerà un capitolo del racconto, di quella storia- eredità che ci ha lasciato Pinuccio Sciola. Ancora una volta, così come per il Preludio di Sant’Arte, l’importante è “il farsi”, l’accadere, il segno che resta quando il concetto diventa azione.

 

Attraverso progetti site-specific, gli ospiti invitati, tra artisti e intellettuali, elaboreranno un personale lavoro di scrittura e d’interpretazione sociale, coinvolgendo la comunità in momenti di vita sociale collettiva. L’intento è di praticare azioni concrete che costruiscano la nuova storia del paese-museo.

 

Il coinvolgimento degli abitanti e di tutto il pubblico sarà ancora una volta di tipo partecipativo, favorendo il libero dialogo tra questi e gli artisti.

 

Il racconto darà vita a un pluralismo di voci nelle quali ognuno può riconoscersi, riflettere, ricordare, e decidere di agire.

Mappa degli Eventi 1 edizione

coming soon…

I Protagonisti della 1 edizione

Collabora come Volontario!

  • Trascina i file qui oppure
    Tipi di file accettati: pdf.
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Acconsentendo col tasto "Accetto" o proseguendo nella navigazione all'interno del sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte del nostro sito come definito nella relativa Cookie Policy Leggi Cookie Policy completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi